Quali inestetismi temi?

Quali inestetismi temi?

Rughe? Fragilità capillare (couperose)? Macchie cutanee? Cellulite? Rilassamento cutaneo? Rosacea? Certo, li temi tutti, ma quale di quelli soprannominati ti metterebbe maggiore apprensione? Ora domandati: cosa sto facendo per prevenire, per attenuare, per combattere questi inestetismi? Prima o poi potrebbero apparire e, in quel caso, come vivrò la realtà cui mi troverò di fronte? Se parliamo di viso e decolletè, personalmente ritengo che la fragilità capillare sia la peggior cosa che possa capitarmi, ovviamente restando all’interno dell’argomento estetico. La delicatezza cutanea non è solamente l’anticamera della famigerata couperose, ma anche di arrossamenti, irritazioni varie, allergie, pruriti e bruciori. L’ipersensibilità cutanea è causa d’invecchiamento precoce, cioè di rughe superficiali, di macchie sulla pelle, di rosacea, quindi, se parliamo degli inestetismi del viso, dobbiamo andare nella direzione del riequilibrio cutaneo, potendo risolvere (o prevenire) molti inestetismi combattendone uno soltanto, anche se non facile da sconfiggere.

E il nostro corpo? Non è certamente piacevole entrare in spiaggia con una cellulite particolarmente evidenziata. Sappiamo che da una cellulite edematosa, si può passare alla fibrosa, alla sclerotica, se non a quella epatizzata. Non dirmi che non temi questo angustiante e perverso percorso. Cosa stai facendo in proposito? Dieta? Azione motoria? Estetista specialista? E il rilassamento generale cutaneo? Anche la perdita di tonicità non è la miglior cosa che ci possa capitare. Significa che l’attività cellulare ha subito un rallentamento, che è in corso una manifestazione d’invecchiamento cutaneo precoce, un mal funzionamento del circolo sanguigno a livello capillare e dello strato sottocutaneo. In altre parole, il ciclo vitale che consente il ricambio continuo di tutte le cellule, comprese quelle cutanee, subisce un rallentamento. Traduzione? Pelle più fragile e sottile, collagene ed elastina ai minimi termini, ovvero cedimenti a gogò, già a partire dai 22/25 anni, quando la pelle si rinnova circa ogni 20 giorni. Cosa succederà allora a 45/50 anni, quando la pelle si rinnova circa ogni 60/70 giorni? Niente diete drastiche che puoi fare per risolvere un problema (senza combatterlo definitivamente) facendone nascere molti altri; acqua, acqua, acqua; estetista specialista, estetista specialista, estetista specialista, cosmetici, sì efficaci, ma anche e soprattutto perfettamente indicati per il tuo stato cutaneo.